I mandorli fioriti di metà gennaio

La primavera è un sentimento, è attesa, è felicità, è colore.

Ma deve avere il suo tempo. Difficile ricordare i mandorli fioriti a metà Gennaio.

Nelle campagne si fanno i conti con cicli stagionali sconvolti. Anche le mimose avviano il processo di fioritura, anticipando il processo di 40 giorni. Coldiretti evidenzia come ormai anche in Italia perdura la tendenza alla tropicalizzazione, con la più elevata frequenza di fenomeni estremi, con sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal maltempo alla siccità.

L’agricoltura è l’attività economica che più di tutte vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici. Ma è l’uomo ad esercitare un’influenza crescente sul clima e sulla temperatura terrestre con attività come la combustione di combustibili fossili e la deforestazione. Attività che aggiungono enormi quantità di gas serra a quelle naturalmente presenti nell’atmosfera, alimentando il riscaldamento globale.

Passi in avanti derivano dall’efficienza energetica, dalle fonti di calore rinnovabili e dall’energia solare ed eolica. C’è ancora la possibilità di arrestare questo fenomeno, poiché la decarbonizzazione globale potrebbe riuscire a non incrementare il riscaldamento globale mantenendolo a 2°C (Environmental Research Letters 2/12/20).

Ma poiché il clima terrestre e i sistemi ecologici sono profondamente correlati, nel tentativo di arrestare questo processo o per lo meno cercare di contenerlo, cosa possono fare i produttori di vino di tutto il Mondo?

Ignacio Morales-Castilla del GloCEE e dell’Arnold Arboretum dell’università di Harvard ritiene infatti che i produttori dovrebbero valutare l’opportunità di adottare “misure di adattamento”. Tra le alternative che ha a disposizione la viticoltura per adattarsi ai cambiamenti climatici ci sono diverse misure di gestione della coltivazione che possono essere adottate a livello locale come la micro-aspersione o l’ombreggiamento, ma anche il trasferimento dei vigneti più in alto laddove possibile.

Gli scienziati suggeriscono anche un’altra soluzione, la sostituzione del materiale vegetale o di varietà che secondo Morales-Castilla hanno potenziale di adattamento ai cambiamenti climatici.

Lo studio condotto ha analizzato i dati storici dal 1956 di 11 varietà di uva da vino tra le quali Cabernet Sauvignon, Chardonnay e Pinot nero, le più coltivate storicamente in Europa. Sono stati creati modelli di pianificazione sugli scenari di riscaldamento globale fino al 2100. I risultati sono incoraggianti, l’uomo attraverso una coltivazione intelligente può supportare l’agricoltura, sempre che gli sforzi per evitare scenari di riscaldamento più elevati avranno successo.

E’ necessario prendere iniziative concrete in tal senso, comprendere che abbiamo in mano un patrimonio unico e che dobbiamo impiegare tutte le nostre forze per consegnarlo alle future generazioni in condizioni migliori di come lo abbiamo ricevuto.

Tenuta Liliana Staff

Mandorlo in Contrada Rischiazzi, Parabita (Le) foto del 18 Gennaio 2021

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
app tenuta liliana